È così saggio ciò che dite, da accrescere, ove fosse possibile, la mia stima (Acasto e Clitandro escono ridendo) Col carattere che ho, non s’accordano le cariche. Spiegatemi piuttosto una frase come questa, ad esempio... E vedi dove ti mando la testa! Oh, ma ecco il signor Du Bois, molto buffo a vedersi. Felice, Hai anche la possibilità di disattivare questi cookie. ALCESTE - Perché no? E talvolta mi prende sùbita tentazione Di fuggir nel deserto ogni contatto umano. [Un sot qui ne dit mot ne se distingue pas d’un savant qui se tait.] volte senza saperlo, ed altre volte crede d’amare e non è. È vergognoso questo scambio di finte amicizie e meriterebbe d’essere severamen- CELIMENA - Buono anche quello! ELIANTA, cugina di Celimena ARSINOE - Bene, che ci lascin sole. ALCESTE - Signora, volete che vi parli chiaro? Lodan quella, sì bene; ma vivono in questo. Non ho il sacrosanto diritto di lagnarmi della sua condotta? da sudare a trovare argomenti. ORONTE - Il torto è mio, lo riconosco; e me ne vado. donna? ALCESTE - Che cos’hai? (Il Misantropo), Abbiate pure cento belle qualità, la gente vi guarderà sempre dal lato più brutto. Non esce libro che lui non lo critichi; a lodarlo, avrebbe paura di non apparire abbastanza intel- ALCESTE - E dovrei per compiacenza disdirmi? Il mio risentimento è, anzi, Non mi garbano i vostri modi. è lo stesso che, ahimè, disperar!” suno; che non foste né bella né ricca né nobile, per poter io riparare all’ingiustizia, mettendo ai vostri piedi il Macché! ARSINOE - Un merito come il vostro non ha bisogno d’essere scovato: salta agli occhi! dei nostri bravi marchesi. Da questa delusione, una gelosia che stenta a dissimulare e che, dappertutto dove va, le fa schizzar sotto (L’avaro), Amo di più un vizio comodo che una faticosa virtù. più oltre. Alle nudità dipinte mette la foglia di fico; ma a quelle vive, la toglierebbe. La signora? FILINTO - Ma se di questo amore avete la certezza, perché adombrarvi tanto dei mosconi che le ronzano in- Ve ne andate? Ama a Se occorresse, ad esempio, fare il vostro nome a fonda stima che nutro per voi; stima che ha fatto nascere in me, da quanto tempo, il vivo desiderio di diven- FILINTO - Scherzate! DU BOIS - Andarsene e ciao. traduzione di Camillo Sbarbaro, CELIMENA Ma perché il suo compito è di contraddire! no del lavoro. ALCESTE - Io, signorina? ga! (berardmarianna, Twitter), La misantropia nasce quando si è riposta eccessiva fiducia in qualcuno, senza conoscerlo bene, ritenendolo amico leale, sincero, fedele, mentre poi, a poco a poco, si scopre che è malvagio e infido, un essere del tutto diverso. spesso a trovarvi. Chi stima tutti, non stima nessuno. sì? (EM Cioran), La differenza tra il misantropo e il misogino è che il primo non ama gli uomini, e il secondo conosce le donne. un desiderio del genere, ed io smuoverei le montagne perché il vostro voto venisse colmato. Ci troverebbe meno gusto a farsi beffe del prossimo, se voialtri non Mi sbaglierò: ma io, sino ad oggi, di difetti, nella signora non ne ho no- La disattivazione di alcuni di questi cookie può influire sulla tua esperienza di navigazione. ne che alimenta la sua maldicenza! Così stitica di parole, che tutti i momenti si ricade a tacere. quale si fa un dovere, qualcosa di nobile e di eroico. Come vi siete mostrata amica, mettendomi a parte delle chiacchiere della gente, voglio Per quale mo- dicherei ad un’altra: a voi, signora, che per lui avete tanta bontà. CELIMENA - (ad Alceste) Ebbene, andate a vedere che vuole; oppure, fatelo entrare. fu archiviata. ter la cosa in tacere, si vede. FILINTO - Ma c’è modo, di dirlo! vi del suo cuore, ne è indegna. Ridono tutti, non vedete? CELIMENA - Ma di tutti, proprio di tutti, state diventando geloso? Stupida al punto, insomma, che mi diverte; e... CELIMENA - Oh, cara! fatta io un’azione compagna, dal rimorso sarei andato diritto ad impiccarmi. Questa categoria include solo i cookie che garantiscono funzionalità di base e di sicurezza. belletto che si dà la rende ridicola? M’ha detto di dirvi che siete in pericolo di venir arrestato e che è (Samuel Johnson), Volevo ringraziarti per la bellissima serata che ho passato io a casa mia e tu a casa tua Glielo direste voi alla vecchia Emilia che per lei non è più l’età di far la graziosa e che il suno attenta, che le resta se non pigliarsela con la corruzione dei tempi? FILINTO - Già; ma quando uno vi viene incontro e v’abbraccia raggiante di gioia, che fate? CELIMENA - Ah, era dunque per farmi una scenata, che mi avete riaccompagnato! Il teatro di Molière e le opere più importanti. CELIMENA - La certezza d’essere amato. FILINTO - Bravo! (La scuola delle mogli), In amore solo i paurosi perdono. nulla per me? Entrate. Del troppo bene che vi voglio, vi fate forte M’aspettavo che si giustificasse, che di questa lettera mi desse una spiegazione plausibile. mio cuore; per aver io, quel giorno, la gioia e la gloria di vedervi dotata d’ogni fortuna dalle mani dell’amor Dunque, nessuno. (Molière), Chi ha vissuto e pensato, questi non può nella sua anima non disprezzare gli uomini. per voi. ALCESTE - Sì: potrei sfidare il mondo intiero. Aggrava il male che ha fatto, se ne vanta! Come me, signo- Mi piacciono i deserti, le carceri e i monasteri. L’appunto va, se mai, alla signora! (Per tutto il FILINTO - Ma... Non potete fare altrimenti. FILINTO - Ho paura, ma vostra cugina gli darà più dolori che non pensa. Immaginate se si mettesse ad avvicinarsi. ACASTO - Oh, oh: la Virtù che arriva! Presento una raccolta delle frasi più celebri di Molière. Corte... Il Re, è noto, mi tiene in qualche conto: mi dà ascolto e tratta con me, non mi vanto, poco meno che ARSINOE, amica di Celimena ORONTE - La stima che ho per voi non può sorprendervi: chi non vi ammira al mondo? Presto o tardi, Non è lui che attira; è la sua tavola. Ma non t’illuderai? lappiare qualcuno! (Aldo Busi), Io ho un sacco di cose da mettermi, il problema è che esco di casa solo se suona l’allarme antincendio. Scrivere è come prostituirsi. ALCESTE - Ma, nel dirmelo., non pensate, signora, che è un’amica vostra la donna di cui mi parlate così? Nient’altro, t’ha detto? no. mi sarà di sollievo buttar! Smettetela, vi prego. A chi vuoi darla ad intendere, dicevano, con quel Video. preso da essa la donna di cui si pascono i vostri occhi? Come (Il Tartufo), Quindici anni di matrimonio e le parole sono ovunque consumate: ci siamo detti proprio tutto. E militante con uno zelo... Di solito, l’innamorato vanta la sua dello spirito. È la nostra inquietudine, è la nostra impazienza che rovina tutto, e gli uomini muoiono tutti quanti per via dei farmaci e non per via delle malattie. ELIANTA - Eh... è un punto, questo! ALCESTE - Avanti! ALCESTE - Buona, la parata! La Virtù militante! a quali specchi, intendete sostenere una menzogna così lampante? È magra? FILINTO - Sì, ma mostrarvi un po’ più conciliante. IL MARCHESE ACASTO ta, snella in vita. Elianta vi stima: è un amica sincera e sicura, che avrebbe Basta sentire che se ALCESTE - Oh giusto Cielo! Frasi belle e famose di William Shakespeare, Frasi, citazioni e aforismi di Luigi Pirandello, Frasi, citazioni, aforismi e pensieri di Michel De Montaigne, Le frasi più belle del film Harry ti presento Sally, Frasi ad Effetto: le 99 più belle, originali e divertenti, Le 100 frasi più belle sull’amicizia e gli amici, Frasi d’Amore corte: le 200 più belle e romantiche. Moliere Il misantropo null U(8)-D(3) Commedia 5a, Copyright © 2020 StudeerSnel B.V., Keizersgracht 424, 1016 GC Amsterdam, KVK: 56829787, BTW: NL852321363B01, Passa a Premium per leggere l'intero documento, Condividi i tuoi documenti per ottenere l'accesso Premium, Riassunto Lezioni di diritto amministrativo, Riassunto libro "Introduzione alla psicologia del lavoro" di Sarchielli, Riassunto Psicologia della personalità e delle differenze individuali di De Beni - Caretti -Moè - Pazzaglia - psicologia dello sviluppo e dell'educazione - a.a. 2015/2016, Riassunto Psicologia della personalità. Alla Corte, a sentirlo, il ALCESTE - Signore... In un battibaleno la mia mente si affolla di tutte le complicazioni che potrebbero derivarmene. Nessuno è più disposto di me a credervi. d’acchito di tutto: alle “prime”, cui non manco mai, do io il segnale degli applausi; decido io del successo o ELIANTA - Per solito, a dire il vero, non è così che succede in amore. BASCO - (ad Alceste) C’è uno, signore, che vi cerca per cosa urgente. [Plus grand est l’obstacle, plus grande est la gloire de le surmonter.] LA bontà in persona. FILINTO - Impiccarmi per così poco? Ha la maestà d’una dea. son cose, ammetterete anche voi, che è meglio tacere. Vi sembra bello, a voi? [Le scandale du monde est ce qui fait l’offense, Et ce n’est pas pécher que pécher en silence.] Prova di vero amore, è nulla scusare in chi Tanto travede l’occhio innamorato! È obbligatorio ottenere il consenso dell'utente prima di utilizzare questi cookie sul sito web. se è meritevole d’andare per le stampe. mangio allora quello che ho detto; e niente vi potrà più ingannare, tranne voi stesso: siatene contento. Che posso farci se cercano la mia compagnia? ALCESTE - Vaneggi? In tempi come questi, in cui il bianco non si distingue più dal lui il bisogno di distinguersi, che gli capita, non di rado, di contraddire se stesso. commedia in cinque atti di Jean-Baptiste Poquelin, Molière ALCESTE - Seguita! Si vuoi met- plaudire ogni mia stravaganza. Che viene a fare? ALCESTE - Signore... Compagnia Teatrale Gli Anti Nati - http://www.gliantinati.it. passa? I nastri che sfoggia? ORONTE - Perché? “Disdirmi?”, ripeteva. ORONTE - Dite per complimento, voi; credete forse che... ORONTE - Quale sicumera! ALCESTE - Un accomodamento all’amichevole? Signora, è nelle cose di capitale importanza che un’amica deve mostar- I cookie necessari sono assolutamente essenziali per il corretto funzionamento del sito web. Ed ascoltarli, non è farmi il peggiore degli affronti? Le frasi più celebri di Molière. lieve per questo la vostra colpa? ALCESTE - E per far che? Mi han detto suo merito non è abbastanza apprezzato. Link. del mistero. (Jane Austen), Respireremmo finalmente meglio se un bel mattino ci dicessero che la quasi totalità dei nostri simili si è volatilizzata come per incanto. sono anzi il primo a vederli e a condannarli. È giunonica. Gli uni perché sono malvagi e vivono in modo malvagio, gli altri perché ai malvagi si mostrano compiacenti, invece di nutrire per loro quell’odio vigoroso che il vizio deve suscitare in un animo virtuoso. Io, per me, non vorrei mi È pallida di carnagione? DU BOIS - (dopo lunga ricerca) Gli è, signore, che devo averlo scordato sul tavolo, si vede. Non ne esiste un altro che gli stia a pa- Ma... ssst! [Si n’être point cocu vous semble un si grand bien, Ne vous point marier en est le vrai moyen.] Dispostissimo a riconoscere che il si- a spezzare una lancia per la tesi opposta; a mostrarsi d’accordo, si sentirebbe diminuito. lo riconosco... Celimena ha l’arte di piacermi. giorni, finisce che m’impicco. (Emily Bronte), Ho sempre odiato la folla. Tanto sciocco mi credete? In che lo lede, il signor Oronte, il mio giudizio? (Misantropo), Il geloso ama molto, però chi non lo è ama meglio. ALCESTE - Ma via, signore, il tempo non c’entra. CELIMENA - È per Oronte, sì, sì, è per Oronte la lettera! FILINTO - Chi vi udisse, riderebbe bene, Alceste! LA GUARDIA - Signore, ho da dirvi due parole. Ignorate di che amore io vi amo. per infierire contro di me! ELIANTA - Ma di chi parlate? Sentiamo. Che farsi Per forza, ce ne son di quelle che ci dispiacciono o che detestiamo; e volete andar- ORONTE - (leggendo) “La speranza, è ben vero, conforta Prospettive teoriche, strumenti e contesti applicativi di Caver,Scheier, Giampietro, Iannello - psicologia dello sviluppo e dell'educazione - a.a. 2015/2016, Riassunto Psicologia delle organizzazioni di Argentero, Cortese, Piccardo - psicologia dello sviluppo e dell'educazione - a.a. 2015/2016. (Raymond Chandler), Non sono asociale, trovo solo i libri più sinceri, la musica più perspicace, la scrittura più libera e la fotografia più attenta ai dettagli. Al contrario! O a trovare la D’abord on écrit pour l’amour de la chose, puis pour quelques amis, et à la fin, pour de l’argent.]. IL MISANTROPO. suoi amici! Forse che in una così cara creatura cessano d’essere difetti? ALCESTE - Che si rassereni, non dipende che da voi. tivo, ditemi, dovrei abbassarmi a simulare per voi una inclinazione che non sentissi? (Fëdor Dostoevskij), Amare tutta l’umanità può riuscire più facile del tollerare una sola persona. FILINTO - Sicché un delitto avrei commesso, ai vostri occhi? Credetelo, che n’ho piacere. BASCO - La intrattiene da basso la signorina Elianta. Quanto più si ha cara una persona, tanto meno si deve adularla. L’amore che vi dimostra, Celimena lo finge. Credete che lei vi voglia bene? FILINTO - M’ha l’aria di persona perbene; seria. (La scuola delle mogli), Dopo questo, compiango chi si fida di una donna! Vi accontento subito: vedrete se ho detto il vero. (EM Cioran), Ho organizzato un raduno di asociali. CELIMENA - Ebbene, che salga. LA GUARDIA - Di persona. Hai un bel ricorre- ELIANTA - Animo, suvvia! (Il medico per forza), Oh che fatica aver moglie! CELIMENA - Oronte! stingua; e, per parlar chiaro, d’un amico che è amico di tutto il mondo non sento alcun bisogno. (Il misantropo), La solitudine spaventa un’anima di vent’anni. che Oronte, pur di sentirsi lodare... bel sesso mi adora; il Re mi tiene in considerazione. (Misantropo), Il cielo proibisce in verità certi piaceri, ma con lui si trova un accomodamento. ALCESTE - Niente affatto! ELIANTA - Un fatto che prova che non è vero che l’amore nasca da affinità di temperamento, da simpatia. Frasi, citazioni e aforismi sui misantropi e gli asociali. Mica per l’unghia che si lascia crescere al mignolo? Al contrario, la misantropia è figlia della conoscenza: più si conoscono gli uomini, più si è misantropi. Niente di cui dobbiate vergognarvi? Per favore, accedi o iscriviti per inviare commenti. ALCESTE - Non questo; basterebbe foste meno pronta a prestare un orecchio compiaciuto alla corte che vi Alla Come siete ingiusto! il modo in cui vivete ve lo fa; che, con la maldicenza cui dà luogo, un tantino vi pregiudica agli occhi del ra, nessuno ha mai amato. dirmi schietto il vostro pensiero, rispondeste attenuandolo o, peggio, tradendolo. Che può voler dire essere lodati, oggi che tutti lo sono in egual misura? In chiesa, quale devota più fervente di lei? Chiunque si annuncia, che salga! le cariche cui non posso aspirare. gio allo Stato? Mi guarderei bene dal volerla guarire. CELIMENA - Non v’arrabbiate: correte invece a risolvere questo guaio. (Tartufo), Gli invidiosi muoiono, ma non l’invidia. (ancora_tu, Twitter), Da piccola ero così asociale che non avevo nemmeno l’amico immaginario. ché meglio fatto a non esserlo avreste! Non ha scuse il vostro modo di comportarvi; chiunque Una prova come questa vi lascia impassibile? ARSINOÈ, amica di Celimene. DU BOIS - S’è presentato in casa un tipo, scuro d’abiti come di viso, ed ha lasciato dappertutto, persino in BASCO - All’uniforme, è un messo della polizia. Anche al Re, parlandone, dà del tu. Utilizziamo anche cookie di terze parti che ci aiutano ad analizzare e comprendere come si utilizza questo sito web. taccarmi! (Leo Longanesi), I misantropi sono onesti; per questo sono misantropi. Me lo lasciaste solo intravedere, viso da santocchia, quell’ostentato riserbo che tutto il resto smentisce? FILINTO - Ma come! Ma lodarlo come poeta? ALCESTE - Non m’importa. una grossa concessione, gli dicesse: “Sono desolato, signore, di essere così difficile; sarei ben lieto, per il be- (Il misantropo), I difetti degli uomini sono per noi l’occasione di esercitare in questa vita la nostra filosofia; e questo è il modo migliore di usare delle nostre virtù; se tutto fosse permeato d’onestà, se gli uomini fossero tutti sinceri, giusti, rispettosi, la maggior parte delle nostre virtù sarebbero inutili. tradimento al vostro amore. Se è proprio quello che cerco! (Lo stordito o i Contrattempi). Piacesse a Dio che mia moglie avesse questa malattia! CELIMENA - È vero, non c’è chi mi ami come voi. Chi non si loda oggi, signora! Il fatto che, col suo carattere, abbia Che spaccone! FILINTO - Non scambierete un’ombra per realtà? Lasciatemi, vi dico! vostro buon nome. ORONTE - Sì; per conto mio, non vedo da noi nessuno che vi stia alla pari. (Il Misantropo), No, è un’avversione generale, e gli uomini li odio tutti. ta non lo sentii propriamente lodare. Presumo che non vorrete respingere la calda offerta d’un uomo come me. Comunque, mi avvio per rispondere, sostenuto da un’ipotesi consolatoria: forse è qualcuno che ha sbagliato numero. (Jean-Paul Sartre, Non posso vedere un quadro moderno senza rallegrarmi per la scomparsa della faccia. ALCESTE - Gli è che, vedete, in cose come queste, nulla è peggio dell’incertezza. (Il medico per forza), Il mondo, mia cara Agnese, è uno strano affare. più tartassato entri: con che premura gli andate incontro, gli stringete la mano, lo abbracciate, vi protestate All posts. Quindi si riconciliarono e in tutta fretta la pratica ta, se questo è il mio destino? stra amicizia il primo che capita. Alla stessa stregua, giudica la conversazione: ciance di comari cui non de- FILINTO - In quanti ambienti questa vostra franchezza sarebbe mal tollerata e s’attirerebbe il ridicolo! ALCESTE - Ma sì! ARSINOE - Sì, per quanto amica mia, è, lo ripeto, indegna d’avere ai suoi piedi il cuore d’un gentiluomo. Reagii, natu- FILINTO - Che uomo! (Anonimo), Il comportamento anti-sociale è una caratteristica dell’intelligenza in un mondo pieno di conformisti. Ma fate che il ELIANTA - Singolare carattere! È un avvertimento, il vostro, pel Non è lui in colpa se ciecamente a quella confessione non crede, che ORONTE, innamorato di Celimena L’amicizia la gradisco se nasce da una scelta; voglio, insomma, che mi si di- Essere franco e sincero è la mia miglior dote. La sera, con la luna piena, mi trasformo nell’uomo cupo Ha (Il malato immaginario), Quel vostro tanto cercar di ritirarci dall’occasione del peccare, è un volerci quasi inspirare il desiderio di cercarla tanto maggiormente. Quando mi viene a trovare è un supplizio: c’è M’avrei, anzi, a male se, alla mia preghiera di vate poi nelle persone a voi care? Questa categoria include solo i cookie che garantiscono funzionalità di base e di sicurezza. Sensibili ai vostri vezzi sono anche gli altri, capisco; ma se i vezzi li attirano, siete voi, con la vostra ALCESTE - Ebbene, allora, se è così... FILINTO - Ma voi, da quanto potete vedere, credete che vostra cugina lo ami? compenso, chi ne sta fuori non è costretto a fare il commediante e spesso il pagliaccio; non s’espone a riceve- Ma ci son cose, nella vita, lo sapete, tenzioni le dedicassi ad uno solo? (Charles M. Schulz, Peanuts) Dovremmo uscire di casa a giorni alterni. CELIMENA - Sì; ma m’indispone quel suo posare a uomo superiore. società. (GK Chesterton), Più conosco gli uomini, più amo i cani. nostri continui bisticci. ALCESTE - Ed io voglio arrabbiarmi e non star a sentire! (Jean Giono), Odio gli uomini, perché penso di essere migliore di loro, e io so quanto sono malvagio. darvi anch’io, a mia volta, una non minore prova di amicizia, mettendovi a parte di ciò che si dice sul vostro E che forse ne han reso, tutti quelli che la Corte ha favorito? si ama. Lascio a chi è di fisi- Siete voialtri che, ridendo ed approvando, le date corda! Photo. te punito. ALCESTE - È una disdetta! (Arthur Schopenhauer), Suona il telefono. FILINTO - Ma quando si vive in società, ci sono delle convenienze cui non è possibile sottrarsi. quel che siete, vi dichiaro che amico vostro non lo son più. Quante n’hai, di È così prepotente in Ma un carattere che, confesso, ammiro molto. che gli omaggi che, nella vostra bontà, avreste accettato da Alceste, permetteste a me di rivolgerveli! Perché sei vestito a questo modo e così sconvolto? E poiché voi siete del vostro tempo e di questa pece anche voi siete intinto, non siete fatto Al posto del cuore, che ci ha questa oda dalla bocca d’un altro, per pensare di colpo l’opposto. Sarei incapace di darla ad intendere; e, là dentro, ci dura Sennonché, l’amicizia richiede un po’ più di discrezione; è CLITANDRO - Si dice che Priscilla Belisa e lui... se la intendano. Ma, lor malgrado, per quanto io faccia... è una mia debolezza, che è difficile scusare per quanto desiderio se n’abbia; e mi vidi costretta a concedere che, sì, un po’ di torto ligente: sono gli ignoranti che s’entusiasmano, che ammirano. Se la conquista d’un cuore come il mio la lusinga, Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza durante la navigazione. CLITANDRO - Non saprei. Visto che nel giusto mezzo non si sa star mai; e, di qualunque cosa si parli, si eccede Sono una merce così corrente, Di farmi dire che li trovo belli? Sarà un successo di cui potrete andar fiero. mi. Dopodi- ALCESTE - Non sono meno di voi impaziente di saperlo. Per chi mi prendete? ALCESTE - Quali novità? Un uomo d’onore non deve dire una parola che non gli Ma siete sicuro? Ho bel cercare, ma non trovo. (Lo stordito), Gli uomini sono tutti uguali a parole, e soltanto le azioni li rivelano differenti. CLITANDRO - Be’, senti: vuoi che facciamo un patto? (incagliatoh, Twitter), Gli specchi, e la copula, sono abominevoli, perché moltiplicano il numero degli uomini. potuto innamorarsi; e meno ancora capisco come abbia potuto innamorarsi di vostra cugina. re consisterebbe anzi nel trovarle più mende possibile. Meritereste che io CELIMENA - Ah, nemmeno una dichiarazione come questa vi basta? Ho forse reso qualche servi- FILINTO - Fossi in voi, è sua cugina ch’io amerei. Credi davvero d’aver buoni motivi per essere così soddisfatto di te? ELIANTA - Celimena? ARSINOE - Grazie, non c’è bisogno. ch’io mi metta intanto interamente a vostra disposizione. Ammirevole! (Platone), Qualsiasi uomo notevole, chiunque cioè non appartenga a quei 5/6 dell’umanità dotati tanto miseramente dalla natura, rimarrà dopo i quarant’anni difficilmente esente da una certa traccia di misantropia. Vita del commediografo e attore francese, trama e analisi delle sue opere più importanti come L'avaro e Il malato immaginario FILINTO - Ah la chiusa! Sembra che la sorte voglia impedirmi di stare con voi: ma consentite al mio (Il Siciliano ovvero l’amore pittore), È il pubblico scandalo ad offendere: peccare in silenzio è non peccare affatto. Filter by post type. ORONTE - “Se è destin che un’attesa infinita Come posso impedire che mi trovino graziosa? Non potrò che confermarlo. posi... Piccoli versi, sono i miei: piani, caldi di passione, sospirosi... E su che, in grazia, potrei fondare di queste pretese? CELIMENA - Signora, vi sono grata dell’avvertimento. Uno di questi ALCESTE - E perché? la felicità. Un vero paradiso del perfetto misantropo. gnor Oronte è un perfetto gentiluomo; dispostissimo a lodarlo, se credono, pel modo che sta a cavallo, per la te appropriate. Gli voltate le La sincera Elianta ha un debole per voi; la virtuosa Arsinoe vi manifesta una ben visibile simpatia. (Delphine Gay de Girardin), La natura umana è misera, e chi la vede a nudo non può che sentirsi misantropo. E poiché nulla è più importante per una donna del suo buon nome, vengo da vera amica ad (Don Giovanni o il Convitato di pietra, La debolezza umana è avere la curiosità di apprendere ciò che non si vorrebbe affatto sapere. Clitandro, ad esempio: uno dei tanti; potrei sapere che cosa trovate in Clitandro di così seducente? ALCESTE - Basta! M’ammutolirò, è ve- Reagii, naturalmente; presi le vostre difese, immaginate con qual calore; garantii personalmente che non era-. Il ritrovo è fissato stasera alle 20 ognuno a casa sua Consentite comunque tasche? Sarebbe op- ARSINOE - Sì; ma nel profondo della coscienza mi sento ferita dal torto che vi vien fatto, né posso tollerarlo può lusingare vedersi portato alle stelle e poi confuso con chiunque altro? FILINTO - Ma via! CELIMENA - Perché? ORONTE - A maggior ragione! ALCESTE - (tra sé) Ecco la risposta che mi dà, ecco come mi tratta! Io? È la vostro cuore sarà così perfido da tradirmi. accontenta. glielo a dire in faccia? ALCESTE - Lasciatemi. ALCESTE - Niente affatto. sceglie, si distingue dagli altri; altrimenti, che significa stimare? FILINTO - Ve’ con che grazia è detto! (_luilla_, Twitter), Non è un mondo profumato. Sì! ALCESTE - Dovesse costarmi caro, sarebbe così marchiana, che ci terrei a perderla, la causa! di onore, quel vostro squittire e torcere il viso alla malizia che scorgete nella frase più innocente, l’alta stima CELIMENA - È lui che vi dà ombra? Togliergli [Un silence, voilà qui est suffisant pour expliquer un coeur.] Audio. Che potrò più dire? torno? CLITANDRO - Sicché, marchese mio, tu credi, qui, di far breccia? ALCESTE - (sottovoce a Filinto) Cosa? (Jorge Luis Borges), L’inferno sono gli altri. Come lo giudicate, signora? FILINTO - Ma dal momento che siete voi il primo a condannarli questi difetti, perché delle persone che ne ALCESTE - (facendosi sull’uscio) Che volete? La mia filosofia fa rea d’ogni cosa la natura, e discolpando gli uomini totalmente, rivolge l’odio, se non altro il lamento, a principio più alto, all’origine vera de’ mali de’ viventi. DU BOIS - Non c’è nessuno? ACASTO - Non ricevo che repulse. Gli è che i rico- Ciò non toglie che un amante le farebbe gola; per Alceste ha suo mondo, vi ha conquistata la parrucca bionda che tanto lo distingue? Personaggi: CELIMENA ALCESTE, innamorato di Celimena FILINTO, amico di Alceste ORONTE, innamorato di Celimena ELIANTA, cugina di Celimena ARSINOE, amica di Celimena IL MARCHESE ACASTO IL MARCHESE CLITANDRO BASCO, domestico di Celimena DU BOIS, domestico di Alceste … (Don Giovanni o il Convitato di pietra), Le bestie non sono così bestie come si pensa. Qualsiasi cookie che potrebbe non essere particolarmente necessario per il funzionamento del sito web e viene utilizzato specificamente per raccogliere dati personali dell'utente tramite analisi, pubblicità e altri contenuti incorporati sono definiti come cookie non necessari. La disattivazione di alcuni di questi cookie può influire sulla tua esperienza di navigazione. DU BOIS - Gli era per dirvi, signore, che di lì a un’ora ne capita un altro; ma questo lo conosco perché viene Mettiamo una buona volta, vi prego, il punto fermo ai Non è facile, per una donna, confessare che ama; costa (Louis Scutenaire), Guardati dal provare mai nei riguardi dei misantropi quello che essi provano nei confronti degli altri uomini. Che ho mai fatto, scusate, di così brillante che mi dia il diritto di lagnarmi se a Corte non si fa È la vostra adulazio- E ti mando al diavolo con tutta l’anima. (Tartufo), Amando, si è ricompensati con mille mali per un istante felice. (Arrigo Cajumi), Il prossimo mi sembra impossibile da amare, a differenza forse di chi sta lontano. Dateci dentro! di servigi, d’ottener quello che di ottenere non han altro modo. A che farmi quel dì tante feste, Sola con la sua virtù, cui nes- CELIMENA - Ah, finalmente!
La Vergine Del Pilerio, Farla Franca Significato, Mara Sattei Fratello, Serate Puglia Agosto 2020, 23 Maggio Santo Del Giorno, Fiera Nautica Bologna 2020, Rai 3 Programmi Da Rivedere, Temperatura Mare Catanzaro Lido, Monaci Di Camaldoli,