E chi è mai questo Filisteo non circonciso per insultare le schiere del Dio vivente?”. Gesù ha la forza dei miracoli, sa vincere le potenze demoniache; ma qual è la sua forza contro la morte? 1 - Innanzi tutto la descrizione della paura irrazionale che prende il re e tutto Israele ( vv. - Raggiunge e compie la speranza intravista da Davide: la pace, il Regno di Dio. Ma la vita della Chiesa è vissuta nel dramma quotidiano della lotta tra bene e male, tra luce e tenebre, tra Cristo e il Nemico dell’uomo. 15Egli andava e veniva dal seguito di Saul e badava al gregge di suo padre in Betlemme. La pietra s’infisse nella fronte di lui che cadde con la faccia a terra. 2Anche Saul e gli Israeliti si radunarono e si accamparono nella valle del Terebinto e si schierarono a battaglia di fronte ai Filistei. 1,13-13. Il re, che ha preso sul serio il giovane, gli pone addosso una pesante armatura. Non amiamo Davide perché non amiamo Gesù in tutta la completezza della sua realtà. 20Davide si alzò di buon mattino: lasciò il gregge alla cura di un guardiano, prese la roba e partì come gli aveva ordinato Iesse. Per capire Gesù come Messia potremmo leggere la Lettere agli Ebrei al cap. È chiaro che potremmo meditare il racconto dell’agonia nell’orto del Getsemani, ma ho preferito questo testo perché pone Gesù di fronte alla prospettiva della morte già durante la sua vita, quando ha da poco iniziato il suo ministero: “E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva molto soffrire, essere respinto dagli anziani, i sommi sacerdoti, e gli scribi, essere messo a morte e, dopo tre giorni, risuscitare; e apertamente diceva queste cose. Lo stesso libro di Samuele attribuisce la vittoria contro Golia ad uno dei guerrieri di Davide (2 Sam 21,19). Quando il piccolo sasso lo colpisce, finisce l’incantesimo e tutti riprendono coraggio. E quel Filisteo maledisse Davide in nome dei suoi dèi. Sarebbe utile esaminare noi stessi ed esaminare il perché di certi cattivi umori sia personali che delle comunità cristiane: quando si comincia a lamentarsi di tutto e ci si accusa reciprocamente, cercando con affanno i motivi di ciò che non va bene, significa che siamo un po’ vittime dell’Avversario che infonde diffidenze e crea disagi. Sembra quasi di vederlo in questa minuziosa descrizione e l’impressione che se ne prova è di terrore: si tratta di un gigante, di un uomo fortissimo. Noi vediamo che il coraggio di Gesù non è semplicemente di chi dice: “Dio mi aiuterà”. Al tempo di Saul, quest’uomo era anziano e avanti negli anni. 43Il Filisteo gridò verso Davide: “Sono io forse un cane, perché tu venga a me con un bastone?”. I Padri della Chiesa l’hanno commentato a lungo e ne hanno fatto oggetto di catechesi attraverso i simboli: la lotta contro l’Avversario, il coraggio nell’affrontare il Nemico dell’umanità, il coraggio nelle tentazioni. Quali i messaggi per gli autori sacri, ma soprattutto per noi? Consideriamo Gesù come Dio, e le realtà per cui ci battiamo (dalla giustizia alla libertà, la pace, ecc.) Gesù è colui che dà inizio al grande cammino del popolo della fede, che inizia con Abramo, e lo fa culminare nella sua croce e risurrezione. Il coraggio teologico viene dallo spirito di figliolanza: sapersi nelle mani di Dio, il vero Padre di Gesù, e di conseguenza, nostro Padre; credere che Gesù ci rende partecipi dei suoi sentimenti di Figlio (cfr. Prima di tutto quella del campo di battaglia (vv. Sono chiaramente opposte le due maniere di agire. Io vengo a te nel nome del Signore degli eserciti, Dio delle schiere d’Israele, che tu hai insultato. La vita pubblica di Gesù inizia con questa lotta, per indicare che il suo messianismo è conflittuale, è un messianismo di combattimento, che egli rappresenta, come Davide, la figura del combattente. 18Al capo di migliaia porterai invece queste dieci forme di cacio. 7L’asta della sua lancia era come un subbio di tessitori e la lama dell’asta pesava seicento sicli di ferro; davanti a lui avanzava il suo scudiero. 35Allora lo inseguivo, lo abbattevo e strappavo la preda dalla sua bocca. E difatti Davide lo ucciderà subito, e con un piccolo sasso, forse perché il filisteo non poteva muoversi tanto agilmente. Davanti a lui avanza il suo scudiero. CATECHESI Raccolte di Tiziano Quarto. 21 Si disposero in ordine Israele e i Filistei: schiera contro schiera. Come spunto di meditazione mi limito a suggerire le tre parti in cui si può suddividere. Prima viene detto il nome, quindi si parla della sua statura, poi sono descritti l’elmo e la corazza pesantissima. Tra i tanti messaggi che si potrebbero sottolineare ne ho scelti due. Per certi versi è necessaria, ma non fa, come tale, camminare né i singoli né la Chiesa, se non c’è Davide che prende coraggio e va al di là. E Davide se ne liberò. Davide ha delle ragioni su cui fonda il suo coraggio, che non è perciò né stupido né irrazionale. La conclusione è che gli ebrei riprendono coraggio, inseguono i nemici e riportano una vittoria strepitosa. Egli non prende il posto di Saul, peròSaul deve capirlo, se vuole uscire dall’immobilità. Ne abbiamo letto la storia, l’abbiamo trovata forse anche bella e piacevole, ma niente di più. 42Il Filisteo scrutava Davide e, quando lo vide bene, ne ebbe disprezzo, perché era un ragazzo, fulvo di capelli e di bell’aspetto. 23Mentre egli parlava con loro, ecco il campione, chiamato Golia, il Filisteo di Gat, uscì dalle schiere filistee e tornò a dire le sue solite parole e Davide le intese. 39Poi Davide cinse la spada di lui sopra l’armatura, ma cercò invano di camminare, perché non aveva mai provato. Ma ricordando ciò che Dio ha già compiuto per lui, comprende che ora gli domanda di fidarsi, di rischiare. Qual’è la chiave della sua vittoria?’. E lo fa in maniera coerente, contando su quello che ha (bastone, pietre del torrente, fionda) e sulla parola del Signore. Davide è importante perché ci sollecita a rimettere continuamente a posto la nostra cristologia che è sempre, nella pratica, un po’ zoppicante. 52Si levarono allora gli uomini d’Israele e di Giuda alzando il grido di guerra e inseguirono i Filistei fin presso Gat e fino alle porte di Ekron. 3I Filistei stavano sul monte da una parte e Israele sul monte dall’altra parte e in mezzo c’era la valle. Golia aveva incantato il re e gli esercito con la paura. 36Il tuo servo ha abbattuto il leone e l’orso. Io ti abbatterò e staccherò la testa dal tuo corpo e getterò i cadaveri dell’esercito filisteo agli uccelli del cielo e alle bestie selvatiche; tutta la terra saprà che vi è un Dio in Israele. Questi scontri verbali prolungati, con epiteti di ogni genere, sono tipici degli uomini dell’Antico Testamento, ed anche di tutte le culture del tempo. Il messianismo davidico è storico-personale: il Messia cioè si trova in una discendenza e in una persona. I vv. 27Tutti gli rispondevano la stessa cosa: “Così e così si farà all’uomo che lo eliminerà”. Lo sguardo di fede è sufficiente per accettarci come siamo e per ringraziare il Signore della comunità che ci dona e ci affida. 2 - Mc 5, 1-20. “Svegliatosi, minacciò il vento e disse al mare: ‘Silenzio! Allora Pietro, tirandolo in disparte, si mise a rimproverarlo. Al contrario, dove una comunità riesce a rallegrarsi di ogni piccolo dono di Dio, si prende coraggio e si affrontano le situazioni con maggiore chiarezza e obbiettività. Anche lui è descritto molto lentamente (ma non si parla dell’unzione che ha ricevuto da Samuele, della sua elezione divina). YouTube. 14Davide era ancor giovane quando i tre maggiori erano partiti dietro Saul. Lotta per noi e ci porta verso l’ordine, l’armonia, la pace. Solo allora la nostra cristologia non sarà più ideologica o razionale o umanistica (come spesso accade), ma sarà cristologia biblica, cioè basata sulla parola di Dio. Probabilmente c’è stata una certa confusione di dati; forse Davide ha ucciso un altro Filisteo, pure terribile e famoso, a cui in un secondo tempo si è dato il nome di Golia. Abbiamo staccato da Gesù i diversi messianismi. Dopo aver affrontato il Nemico come tale, Gesù lo affronta mascherato in diverse situazioni. 5Aveva in testa un elmo di bronzo ed era rivestito di una corazza a piastre, il cui peso era di cinquemila sicli di bronzo. Per questo ho detto che si tratta di una paura ingiustificata, irrazionale, che ipnotizza il campo di Israele senza un vero motivo. Arrivò all’accampamento quando le truppe uscivano per schierarsi e lanciavano il grido di guerra. Gesù, nel piano divino, è al centro, è il Figlio che fino alla fine manifesta e compie la volontà del Padre. Davide ha delle ragioni su cui fonda il suo coraggio, che non è perciò né stupido né irrazionale. 32Davide disse a Saul: “Nessuno si perda d’animo a causa di costui. Se non interveniva Davide, gli uomini di Saul sarebbero rimasti immobili per sempre di fronte alle forze dei nemici. Salvato da Davide Pizzeghella La Bibbia fa vedere l’assurdità della paura anche perché, appena cade Golia, tutto Israele prende coraggio e vince il nemico. Davide porta a Gerusalemme la testa di Golia. Io conosco la tua boria e la malizia del tuo cuore: tu sei venuto per vedere la battaglia”. Riteniamo che riguardi gli Ebrei.Dal momento però che noi crediamo a Gesù Figlio di Dio, il passato non ha più importanza. Saul rispose a Davide: “Ebbene va’ e il Signore sia con te”". La Chiesa (ma anche ogni credente) quando si dimentica di questo, si stupisce delle difficoltà e dei problemi; si interroga sui suoi progressi senza pensare prima di tutto ad affrontare l’Avversario. Dal v. 48 al v. 51 l’azione è velocissima e il combattimento è descritto in poche righe. Catechesi Giovani LA FIGURA DI DAVIDE L’arroganza del re, l’umiltà del pastore …” GUARDARSI ALLO SPECCHIO… Inizio con una citazione! Non sono io Filisteo e voi servi di Saul? - Porta a perfezione le virtù di Davide, testimone intrepido della fede, - Insegna al suo popolo a entrare nelle prove di Davide e a superarle, come le ha superate lui. 6Portava alle gambe schinieri di bronzo e un giavellotto di bronzo tra le spalle. Visualizza altre idee su Corpus christi, Libri fatti in casa, Albero genealogico. Contempliamo Gesù che parla della sua morte e che ritiene sia un’azione di Satana il distoglierlo da questo evento. Saul, che prima si è lasciato prendere dalla paura, dopo aver cercato di far desistere Davide dall’impresa, si arrende senza però capire che il giovane confida in Dio. T. Youtube Angeli Poster Film. 13I tre figli maggiori di Iesse erano andati con Saul in guerra. Bellissimo il v. 37: “Davide aggiunse: “Il Signore che mi ha liberato dalle unghie del leone e dalle unghie dell’orso, mi libererà anche dalle mani di questo Filisteo”. 53Quando gli Israeliti furono di ritorno dall’inseguimento dei Filistei, saccheggiarono il loro campo. Scegliete un uomo tra di voi che scenda contro di me. 38Saul rivestì Davide della sua armatura, gli mise in capo un elmo di bronzo e gli fece indossare la corazza. Le armi di lui invece le pose nella sua tenda. Vincendo il Nemico nell’uomo geraseno, Gesù ci da il coraggio per affrontare in noi e negli altri le forze irrazionali e tutti quegli inspiegabili turbamenti che tormentano l’umanità e che percepiamo come qualcosa di oscuro, che sono l’espressione della complessità della psiche umana. Se invece prevarrò io su di lui e lo abbatterò, sarete voi nostri schiavi e sarete soggetti a noi”. Informati della salute dei tuoi fratelli e prendi la loro paga. 28Lo sentì Eliab, suo fratello maggiore, mentre parlava con gli uomini, ed Eliab si irritò con Davide e gli disse: “Ma perché sei venuto giù e a chi hai lasciato quelle poche pecore nel deserto? Codesto Filisteo non circonciso farà la stessa fine di quelli, perché ha insultato le schiere del Dio vivente”. Il re vuole essere un uomo saggio e quindi scoraggia Davide (v. 33) Però la sua saggezza è sbagliata e la Bibbia mostra come Dio si prende gioco della cosiddetta prudenza politica che Saul sembra esercitare. 2 - La seconda parte (vv. Golia manda la sua sfida e comincia a mandare grida verso le schiere di Israele, e queste grida dicono disprezzo profondo. Notiamo il contrasto tra la paura degli Israeliti e l’offerta del ragazzo. Ma lui, voltandosi e guardando i suoi discepoli, ammonì Pietro e gli disse: ‘Lungi da me, Satana! L’arte letteraria di questo brano è tra le più raffinate della Bibbia. Con l’aiuto della lettura e della meditazione dobbiamo domandarci: quando Gesù mostra coraggio, quando affronta l’Avversario, quando si confronta col Nemico? Anche chi non “frequenta” molto la Scrittura conosce questa storia. 42 Pin. 9 Se sarà capace di combattere con me e mi abbatterà, noi saremo vostri schiavi. Eliab risponde male alle domande del fratello minore e lo rimprovera. 3 - Mc 4,37-41. 11 e 24). 16Il Filisteo avanzava mattina e sera; continuò per quaranta giorni a presentarsi. 54Davide prese la testa del Filisteo e la portò a Gerusalemme. I Filistei caddero e lasciarono i loro cadaveri lungo la via fino a Saaràim, fino a Gat e fino ad Ekron. 45Davide rispose al Filisteo: “Tu vieni a me con la spada, con la lancia e con l’asta. Gli ultimi due versetti di questa parte sembrano far crollare tutto. I Filistei radunarono di nuovo l’esercito per la guerra e si ammassarono a Soco di Giuda e si accamparono tra Soco e Azeka, a Efes-Dammìm.
10 Ottobre Manifestazione, Capodanno A Parigi 2020 Offerte, Pec Gratuita Per Privati, Pizzeria Pic Nic, Castiglione Della Pescaia, Hamburger Al Forno Con Mozzarella, Almanacco Del Giorno 12 Maggio, Mara Sattei Fratello,